Ilooks, feed the word through the sun. Part 5

You told in recent interview that your strategy will be first  focused on high-spending customer and after, when you grow, to enlarge your market to lower-income clientele, because of the dramatic cost reduction that is forecasted (in the New Energy Outlook  Bloomberg forecasts a decrease by 60% within 2040) how will you have a profitable business with so low prices?

In this point of view, trusting the data from Bloomberg, (data about photovoltaic technically are to be reviewed every 10 years), there was a  strong acceleration  by big countries. They started to strongly investing (we speak about China and US) important financial resources. They did it not only for economic reason, but to start solving the pollution problem. They feel it a lot. Recently we had not only COP21, but also COP22 from Marrakesh signed few days ago. The settlement of the new US president Trump, could change in some way promises made by former president Obama. Strategies will for sure change.

I can tell that Bloomberg’s  outloook is from today to 2040, i speak more about an outlook from today to 2030 or also to 2020. This because next 4 years will be very important.

I can say is that it is true that the price of photovoltaic technology in the last 15 years has reached so good level to be one of the reason to push the countries to invest on it strongly.

We must say that we, as Ilooks Technologies, are continuing with R&D in this direction. We started with a method, we spent 18 months to find it. Now we are lucky to start having customers and working with them. So our idea is: structuring our company, increasing volumes, increasing the number of customers. These actions made to be able to invest always resources on R&D and to find alternative solutions to the present one and mantain, or better, improving, the efficiency. We think that 80% could not be enough. It is not easy to go beyond it, we spent 18 months to reach it but i am sure we will find an improving solution.

Technologies evolve, as a consequence, as happened to photovoltaic that has dropped the costs, we will be able to drop our costs. I don’t exclude to succeed about it. For sure we will do in a point of view of volumes

We must say that struvcturing our business needs time: we deposit a patient request less than 8 months ago. So we can say, not as excuse, that we are so young that we need to structure ourself and to grow.

Told this we will find new solutions, we are already trying to do it. We didn’t stop to the first solution.

We are delivering new tests because we are working on a second generation solution. First generation one was with a technology used on the external, we are now working internally. I mean we are integrating our solution inside the photovoltaic panel production process. We do this to improve the resistance to atmosferic phenomenons. Its sturdiness is as the traditional one.

We are working on a third generation process that are giving incredible results about efficiency (improved a little) and, better, we are dropping the costs.

So, in the point of view of development in the next year, we will follow the trend of cost reduction to improve their profitability. The reason is that we will be able to improve the range of customers and, as a consequence, the volumes reducing costs.

It is always scale economy: if we will succeed to reach the balance the price will drop, request will increase and, so, we can follow the trend.

Moreover for us it is important that the price decreases because it’s an important cost voice on the product . So if the price will decrease, we also drop our prices. We are oriented to reduce the costs but depending on volumes.

We will see. I hope that the Bloomberg’s outlook will be confirmed because the photovoltaic technology run a big deal fast. There are coming new solutions. One of them is the peroschite, it seems to be the new silicon so it is very important. Its cost is low and it seems to have an high efficiency.

At the moment it is only experimental phases and not industrialization. We will see when it will be on the market if it will be really as described. I believe it.

The evolution has always lead to improve and grow but we will see. Saturation will arrive also about it but this is for sure not the moment of saturation.

1.    Is there the risk that your blue ocean become a red one with many competitors?

The risk is always present. When the potential market is so big, he player already present will fight not only with their traditional competitor. The market usually becomes more crowded.

We have on our side a strong attitude to Research and Development. So, if we succeed to mantain the competitive gap assured by the technology, we can say to be less attackable than others.

This is a logic that, in the technology sector not only us follow.

It is known that if you don’t continue to innovate, the technology gap will be reduced and time by time your competitor will overpass you and so you are died.

We think that the market will be crowded by more competitors. I can’t exclude that, in this war, it could be a big fish that will start to make acquisition to mantain its leadership and to gain technology. This to mantain it above the other.

It is also true that the past shows that the best competitor wins. So it is not only about acquisition.

All depends on the research and development. We have a long term point of view. In it we see that we can be bought , so make an industrial exit, by a big player with financial capacity to by ourself. I mean: if we have the technology that he needs, and it notices that our work damage it, if it has the financial capacities and is a big shark, you don’t mind to war with me. You prefer to buy a new market share with that company.

Our point of view is to be bought  from some big company. It’s a business hypotesis that we considered. We don’t exclude trade partnership where we see to be more profitable than other. We can gain market shares and not war with all.

We must see the market trend. These will be the challenges that we will fight with players that will rise on the market. We will wait for them and see how it will be.

Now there is no possibility to fight with player like Tesla on the financial side. This doesn’t mean that we have a product that, in our opinion, based on today data, is better than their one on the technical side.

The exit hypotesis is one of the reason we think to be bought.

iLooks, move using the sun with style. Part 1

I interwieved Fabrizio Chiara, new enterpreneur that, with Ilooks, wants to change the idea of use of photovoltaic panels: from a unaesthetic power bank, to a stylish source of energy for every kind of building, sail and other kind of engineering products. Here he presents himself and his team.

  1. Hi Fabrizio, can you introduce yourself?

Hi Edoardo, I am Fabrizio Chiara, a 36 years old boy from Turin. I’ve been working on non conventional comunication for many years.

  1. From fashion blogging to green tech startup, how is your path?

I born as blogger 4 years ago, when i started, for other reasons, to connect to the fashion world.

I discovered myself as an innovator working with some of my customers about some kind of solutions.

I had to invent a new solution that, originally thought as a fashion accessoire. Time by time,it  we transormed it in a product that works in other contexts. Its technology called custom fotovoltaic, is moreover completely innovative.

  1. We met at Innovits 2 years ago where you was developing and would sell a solar power charger. Now you are selling photovoltaic panels that can be plugged in in different structures, tell me the story of this evolution.

2 years ago,  when we met the accessoire was a wereable battery charger. Its benefit was to supply energy on demand  to charge mobile devices that we use every day.

The reason was the photovoltaic cell completely black. They considered this absolutely unaesthetic and damaging for the brand. Althought this, the product was summarly interesting and nice to see in their opinion.

After these 2 strong stops, we started to think to a solution.

We dedicated 18 months of research and development to find a solution to this problem. At the end we could reach an industrial process. It transforms a black and anaesthetic photovoltaic cell in something nice to see and completely integrable.

We deposited the patient and started a deep analysis of potential market for our product.

This lead us to change it from  the original fashion accessoire to something with a bigger potential market as the phovoltaic panels one.

Now we are working with some companies ( from the fashion market and not) whit whom we think to use our solution for some accessoire.

In few words, we use the R&D done for our product to evolve it in something applicable in many industries fashion included.

  1. What is changed in the meantime in your life (job for example)?

Times are become more and more small. I’m working few on what was my primary acticity until 8 months ago (now is my secondary one).

Nowadays i dedicate 95% of my time resoursces (public and private) on my project Ilooks.

The reason is that the acceleration that brings me but also the other members of my team was really fast. The consequence was that Ilooks absorbs also time that before belong to private life and relax

When we started working we noticed an accelerations and these times were completely absorbed by the job that is increasing very fast.

So the change is more than important. I mean, we don’t have anymore time to do what we would.  We are completely focus and committed on the new project, Ilooks Technologies

 

Interview with Fabrizio Chiara, coowner ILOOKS

Fabrizio speaks about himself, his startup and the startup movement in general

Present yourself

1.    Hi Fabrizio, can you introduce yourself?

2.    From fashion blogging to green tech startup, how is your path?

3.    We met at Innovits 2 years ago where you was developing and would sell a solar power charger, now you are selling photovoltaic panels to use in different structures, tell me the story of this evolution.

4.    Is something changed in the meantime in your life (job for example)?

 

Present your team

5.    Can you present your team?

6.    Describe us the roles in the team

7.    Do you work fulltime for your startup or you/someone from your team is working also outside it?

8.    Do you think that your team is complete or you are looking for someone else?

Present your product

1.    Which pains does ILOOKS solve and what now help your customer?

2.    You know your market, which are your competitors (which kind of products, names if you can)?

3.    What do ILOOKS product have that is new in the market?

4.    What these products have in common (since the photovoltaic panels)?

5.    One difference is that the power charger was more affordable and the target was middle-end clientele now your target is high-end, why did you decide to change?

6.    PV panels now are so big and somewhere there are large landscapes where we find them, will you replace them with yours (in what you can differentiate) or it is not in your target?

7.    You declared that one of the possible use of your product is in building protected, can you explain how to plug theme where you can move anything (I saw some examples)?

8.    Will you create partnerships with solar window manifacturers or similar?

9.    Are there car in your target?

10. Do you think that photovoltaic cars are a real future product or only an experiment?

Your strategy

1.    You told in recent interview that your strategy will be first  focused on high-spending customer and after, when you will grow, to enlarge your market to lower-income clientele; because of the dramatic cost reduction forecasted (in the New Energy Outlook  Bloomberg forecasts a decrease by 60% within 2040) how will you have a profitable business with so low prices?

2.    Is there the risk that your blue ocean become a red one with many competitors?

3.    Which is your value proposition?

4.    Strenght and weakness to improve?

5.    Where you will focus your investments?

Target market and its behaviour

1.    Which is your target market (people, countries)?

2.    Do you think that renewables and, generally speaking, green technologies will replace the fossil fuel power sources?

3.    3 years ago in a survey by Unione Nazionale dei Consumatori 68% of interviewed declared to be available to pay a car 10% more if it was sustainable, is something changed in your target market?

Overprice payable for a sustainable car

Overprice (%) that consumers are available to pay for a sustainable car.

 

4.    You told that many different industries showed interest about your products, can you classify them?

5.    What in your opinion will move the mass market to buy green products (with your panels)?

6.    This year the UN Global Compact—Accenture Strategy CEO Study reveals that 80% of the CEO involved believe that demonstrating a commitment to societal purpose is a diff­erentiator in their industry and 85% inglobes sustanaibility issues also if they are not able to measure the financial values of this action, what does it mean for you sustainability for business?

 

Technology

1.    Are solar panels already reliable and cost effective?

2.    How to reconcile reliability and energy production efficiency with design?

3.    I saw that solar panels are becoming (or are going to become) popular and have different kind of use, do you think that the can become like a commodity present in the every day life?

4.    What is the difference between your panels and the other ones?

5.    How does the design influence panels? Is it possible that your panels become less efficient than the other ones in the future?

Startup word

1.    I interviewed Ray Garcia (look here) about the difference between my startupper and entrepreneur, is there anyone in your opinion? Can you describe it?

2.    Which is the role of passion in start a business?

3.    What are you learning in the role of new entrepreneur that you can’t learn somewhere else?

4.    Team, customers, funding and financial resource management are the biggest problems that a startup faces along its life (see here), what do you think about it? Which is your experience?

5.    From your point of view which are the needs of a startup and how they are today satisfied by operators in the market?

6.    How can society support startup development?

Innovits

1.    We met at Innovits, you didn’t arrive on final, what have you learnt there?

2.    Why did you prefer it to the other?

3.    Pros and Cons of that experience?

4.    If a friend with an idea ask you about Innovits, do you advice it?

Investors and their behaviour

5.    Are you looking for investors?

6.    Are they (if they were) only financial or also technical? Speak about it

7.    Can you tell us the top 5 questions they ask you when you present your startup?

8.    Which is the behaviour of investors about green technology? (IBAN says that business angels invested here 22% of capitals, 4%  on 2014)?

 

Business angels investment percentages on 2014

Investment (%) made by italian business angels on 2014

9.    In your opinion which is the reason why green tech receives lower investments than ICT?

10.Are you open to equity participations from new investors?

11.Are you an Italian society?

12.Why did you decide to not become LLC or other society structure registered abroad?

 

THANK YOU

 

Cosa_è_una_rete_spiegazione_Edoardo_Facchini

Cos’è una rete

Cosa_è_una_rete_spiegazione_Edoardo_FacchiniCos’è una rete? Domanda che un bimbo fa al padre. Partendo dal suo punto di vista e dalla mia esperienza quotidiana provo a spiegare questo concetto ormai onnipresente nella nostra vita.

Ogni bimbo che accende la tv ascolta decine di volte al giorno la parola rete: “I pericoli della rete”, “Non c’è rete”, “Le tre reti”,  “Devi stare attento quando sei in rete”.  Per lui è un termine nuovo, ma cosa significherà mai?

Sfrutterò l’esperienza di padre e quella di formatore per spiegarlo a lui e ai tanti che non sono tecnici delle telecomunicazioni.

Legherei il concetto di rete a quello di dialogo, il parlare e le sue modalità.

Si parla solo se c’è almeno uno che ascolta e risponde (se richiesto); allo stesso modo una rete è un insieme composto da almeno due elementi, uno che invia (che parla nella nostra metafora) e uno che riceve (che ascolta).

Vediamo ora le altre caratteristiche di una qualunque discussione

  • Non è richiesto
    • Essere uguali: i bambini parlano con i grandi, i bimbi con le bimbe.
  • E’ richiesto
    • usare la stessa lingua: mi comprende chi parla l’italiano e/o il mio dialetto se è il caso;  gli altri no

Inoltre sappiamo che al bambino si insegna che

  • si parla sempre uno alla volta (numero di persone che parlano contemporaneamente)
  • ci si esprime piano con chi fa più fatica a capirti in modo da permettergli di comprenderti (velocità di parola)

Tutte queste caratteristiche sono riassunte in figura 1

Requisiti di un dialogo tra persone

 

Vediamo cosa succede nelle reti

Anche in esse

  • Non è richiesto
    • Essere uguali: per dispositivi elettronici ciò significa
      • Essere dello stesso tipo: gli smartphone parlano con i cellulari e i tablet
      • Avere le stesse dimensioni: il telefono di casa parla con lo smartphone, l’hard disk a casa trasmette dati a quello sull’orologio
      • Avere la stessa potenza di calcolo: il mio smartphone nuovo parla con quello vecchio e con il pc di casa
  • E’ richiesto
    • Parlare la stessa lingua: nel caso delle reti la lingua è il protocollo di comunicazione, si comprendono coloro che usano lo stesso

Cos’è un protocollo

 

Cos’è un protocollo? E’ un documento che stabilisce una serie di regole (equivalenti alla nostra grammatica) su

  • come una cosa viene detta
    • iniziare il discorso
    • continuare la comunicazione
    • concludere (qual’è la “frase” per far capire che ho finito)
  • dove inserire le parole che dico ( i “dati” della mia trasmissione) nel “treno” che la porta al destinatario

All’interno delle reti attuali il protocollo più utilizzato è l’Internet Protocol (IP) nella sua versione 4 o 6

Analizziamo le ultime due caratteristiche sopraelencate

  • velocità: i dispositivi trasmettono a quella del dispositivo più lento. Questa regola generale permette al ricevitore  di non perdere delle “parole” (pacchetti) e comprendere quanto gli viene detto. Ci sono poi delle tecniche che fanno mettere da parte dei pacchetti per poi riordinare il discorso prima di interpretare la frase
  • numero di persone che parlano contemporaneamente: sulle reti ci sono diverse modalità
    • uno a uno (detto unicast): uno trasmette e uno riceve
    • uno a tutti (detto broadcast): uno trasmette a tutti quelli che sono collegati alla stessa rete. Quello che succede con la RAI, tutti quelli che hanno un televisore e un’antenna vedono i suoi programmi
    • uno a molti (detto multicast): uno trasmette a una parte di quelli che sono collegati (un po’ quello che succede con la televisione a pagamento in cui comprendono il messaggio solo quelli che hanno il decoder)

La figura 2 riassume quanto appena dettoRequisiti di un dialogo tra dispositivi in una rete

 

 

Errore per un'azienda, Edoardo Facchini

Il più grande errore di un’azienda multimilionaria

Errore per un'azienda, Edoardo Facchini

Un utente di Quora chiede quale sia l’errore più grande per un’azienda multimilionaria. Domanda interessante e sempre attuale a cui cerco di dare una risposta nel post.

Tempo fa, rispondendo a un utente che, su Quora, chiedeva cosa si dovesse fare quando il business procede bene e non ci sono emergenze, dissi che non si doveva fermare, mai e soprattutto ora (l’articolo, in inglese, è qui)

Ieri, sempre sullo stesso social, un’altra persona chiede quale sia l’errore più grande per un’azienda multimilionaria. Io ritengo che sia proprio il fermarsi e spiego perchè.

Nel recente passato abbiamo assistito alla parziale rinascita di due aziende: Kodak e Nokia. Due perfetti esempi di leader di mercato cadute rovinosamente perchè:

  • Nokia vende cellulari, i suoi prodotti sempre molto diffusi (basti pensare al 3310 recentemente riportato sul mercato) e ciò porta a utili sempre più che soddisfacenti per l’azienda. Cosa succede? L’azienda non si “accorge” della diffusione sempre più elevata dei display touch sui telefoni, degli smartphone che portavano altri competitor (Samsung ed Apple in testa) a crescere fino a spodestarla dal trono di leader di mercato e a perdite fino a 5 miliardi di euro
  • Kodak sinonimo di pellicole fotografiche di elevata qualità, diffusissime e sempre molto vendute. Con l’avvento degli smartphone e l’evoluzione tecnologica la pellicola diventa digitale (maggiore possibilità di scatto e correzione senza perdere denaro, capacità sempre più elevate di salvataggio con dimensioni che crescono con il passare del tempo). L’azienda si ritrova a dover fronteggiare un nuovo mercato in cui altri comandano e lei insegue

Cosa hanno in comune questi due casi? La mancata capacità di analizzare il mercato, osservare le nuove tendenze e i  soggetti che entrano in scena, i cambiamenti nelle esigenze che il mercato esprime e quelli che la tecnologia rende possibili.

Dunque un’azienda multimilionaria deve:

  • continuare ad analizzare i clienti
  • comprendere le loro esigenze, le modalità d’uso dei prodotti,
  • conoscere cosa migliorerebbe il cliente di un prodotto,

Ecco l’importanza di

  • non fermarsi
  • ascoltare sempre il mercato
  • analizzare l’evoluzione tecnologica sempre in ottica di soddisfazione del proprio cliente
  • superare le sue aspettative partendo dalle necessità che esprime e dalle modalità con cui usa i prodotti di cui dispone.

Esempi due dei nuovi top vendor: Samsung e Apple. Per entrambe la continua innovazione di prodotto (un Galaxy e un Iphone all’anno mediamente) ma anche di processo (nelle vendite) sono un must che hanno rispettato portandosi (tranne il caso Note per i coreani) a una costanza di successi che prosegue nel tempo.

L’azienda di Jobs crea per sè nuove fonti di incasso andando a toccare altri settori (come Apple Pay per i pagamenti) seguendo nuovi trend (i borsellini elettronici non sono stati una sua invenzione) o creandone (caso Ipad).

Il confronto tra il caso Nokia e quello Apple credo dia la misura di ciò che un’azienda multimilionaria debba o non debba fare per mantenere la sua leadership sul mercato

Gestione di una startup, startup, marketing, sviluppo del business, clienti, competenze, obiettivi, http://www.bandwin.net/it/2016/01/07/gestione-di-una-startup-i-consigli-di-ray-garcia-imprenditore-consulente-per-venture-capital/

Startup: dall’idea al successo. I consigli di un esperto. Parte 3

Gestione di una startup: questo è il focus della terza parte della mia intervista a Ray Garcia, imprenditore, consulente per startup, docente di imprenditorialità all’Università di Pisa per 5 anni (la prima è qui). Marketing, gestione del cliente, sviluppo dell’impresa e altri cui porre molta attenzione

Gestione della nuova impresa

  1. Su quale tipo di marketing devo focalizzarmi per sviluppare il mio business basato sul web?

Tutte le forme di marketing sono necessarie, aumentano le possibilità di essere trovati

  1. Quali potrebbero essere passaggi importanti per sviluppare il nostro prodotto? Cosa va, invece, evitato?

Parla con i clienti, loro ti diranno il prodotto che vogliono

  1. Qual’è il modo migliore per costruire una relazione di lungo periodo con i clienti?

Vendi loro qualcosa di cui hanno bisogno e ch li aiuta e vendilo a un prezzo che possono pagare e da cui percepiscono valore.

  1. Abbiamo sviluppato il nostro Minimum Viable Product e il nostro cliente di test sta iniziando a usarlo e ad aver voglia di pagare per esso. Come possiamo porre il prodotto sul mercato e attrarre nuovi clienti?

Tutto dipende dal tipo di prodotto, trova il canale per distribuirlo al più elevato numero di potenziali clienti

  1. Come promuovere la propria attività al costo minore (o gratis) in modo da costruire una lista di clienti prospect (potenziali)?

I tuoi clienti promuoveranno il tuo prodotto se realmente apprezzeranno il valore che gli stai offrendo. Una loro raccomandazione è il miglior modo per acquisire nuovi clienti.

  1. Come posso fornire un apporto tangibile in una startup per aiutarla a crescere e, contemporaneamente, sviluppare le mie competenze?

Sviluppa prima le tue competenze in un’azienda, poi, quando hai le competenze per dare un contributo, entra in una startup. Le startup non possono farsi carico di formare le persone.

  1. Ci sono imprenditori che possono condividere le loro esperienze di “working through the execution” di un’idea di business subito dopo la fase di ideazione?

Poniti di fronte ai clienti con un prodotto che loro vogliono e vendilo a più di quanto ti costa produrlo, molto basilare ma è ciò che conta.

  1. Quando l’amministratore di una startup deve smettere di lavorare e lasciar lavorare gli altri?

Una volta che sta facendo profitto e ha compreso in che tipo di business è entrato.

  1. Quando gli affari stanno andando bene e non ci sono richieste urgenti da soddisfare cosa bisogna fare?

Far crescere il business ancora più velocemente. Se sta andando bene allora è probabile che vada male al prossimo ciclo.

Quando le cose vanno bene bisogna spingere ancora più forte.

  1. Posso iniziare un’altra attività con il mio cofondatore quando sto portando avanti una startup?

No, falliscono entrambe poichè l’attenzione non è più focalizzata su uno  ma suddivisa tra due.

Ugo Cosentino, diabete, cura, Harmonium Pharma, intervista parte 1,http://www.bandwin.net/it/2017/06/03/harmonium-pharma-cura-il-diabete-dal-diabetico-p1/

Harmonium Pharma, cura il diabete dove il diabetico vive. Parte 1

Ugo Cosentino, diabete, cura, Harmonium Pharma, intervista parte 1,http://www.bandwin.net/it/2017/06/03/harmonium-pharma-cura-il-diabete-dal-diabetico-p1/                                        Figura 1: Ugo Cosentino, Amministratore Delegato e fondatore di Harmonium Pharma

Ho intervistato Ugo Cosentino, amministatore delegato di Harmonium Pharma, startup in ambito farmaceutico che sta provando a cambiare l’approccio usato nel trattamente del diabete.

Presenta te stesso

  1. Ciao Ugo, puoi presentarti?

Sono il fondatore e amministratore delegato di Harmonium Pharma, un’azienda focalizzata esclusivamente sul diabete, che offre una proposta di valore unica per migliorare la gestione quotidiana di questa malattia.

Amo definirmi un imprenditore visionario ed entusiastico, che lavora con forte passione per realizzare i suoi sogni.

Ho trascorso la maggior parte della mia carriera all’estero, ricoprendo ruoli con responsabilità crescenti all’interno di aziende multinazionali, lato finanza o altri ruoli dirigenziali come presidente Europa presso Wyeth Veterinary e presidente di Pfizer Farmaceutici Italia.

  1. Da dirigente a startupper nello stesso campo, qual’è il tuo percorso?

La decisione di fondare una mia azienda nasce dal desiderio di creare valore, lasciare qualcosa indietro e dimostrare a me stesso che fare impresa può essere anche divertimento, integrità e profondi valori umani.

  1. Qual’è la scintilla (o le scintille) che spingono un manager esperto a diventare startupper?

Diventare startupper abbandonando una posizione di alto dirigente significa essere un po’ folle, intellettualmente libero, sicuro di se stesso e estremamente coraggioso. Infatti il mio motto è: “Il fututro appartiene a coloro che hanno il coraggio di inseguire i propri sogni”.

  1. Puoi decriverci pro e contro di questo tipo di decisione?

I pro sicuramente: la libertà, l’assoluto controllo della tua vita professionale e delle tue decisioni, la possibilità di avere un impatto sulla società.

I contro sono collegati ad un elevato numero di pressioni e responsabilità che non ti abbandonano mai, specialmente nelle fasi iniziali di sviluppo dell’azienda.

startupper, imprenditore, vantaggi, svantaggi, pro, contro, Ugo Cosentino, Harmonium Pharma, Intervista, parte 1

Figura 1: Pro e contro di diventare startupper

  1. Come è cambiata la tua vita?

Sono artefice del mio destino e ora certamente credo di poter avere, attraverso un modello di business innovativo,  un reale impatto sulla vita delle persone con diabete con un considerevole miglioramento della loro qualità di vita.

Presenta il tuo team

  1. Puoi presentare il tuo gruppo di lavoro?

La struttura aziendale è costituita da una “nazione laboratorio” dove abiamo degli affiliati diretti e dove il modello di business è testato e applicato.

Abbiamo poi già in piedi un gran numero di accordi con aziende partner per esportare a livello internazionale il modello di business dell’ “Angolo del diabetico”.

Indine abbiamo un’azienda in Spagna, inglobata nella nostra, che fa ricerca e sviluppo di nuovi prodotti e servizi volti a migliorare la vita delle persone con diabete.

  1. Descrivici i ruoli nel gruppo di lavoro.

Il mio gruppo di lavoro è composto da due persone in Amministrazione e Finanza; due persone in ambito Regulatory, tre in Marketing e comunicazione, due dirigenti nel commerciale e una rete di professionisti qualificati che supportano le attività di vendita sul territorio a farmacie, specialisti e associazioni di malati, oltre a un direttore del Business Development e un capo della Ricerca e Sviluppo di nuovi prodotti e servizi.

  1. Lavori a tempo pieno per la tua startup o tu/qualcuno del tuo team, lavora anche al di fuori?

Lavoro giorno e notte per raggiungere i nostri obiettivi e portare al successo il nostro modello di business.

  1. Pensi che il tuo gruppo di lavoro sia al completo o stai cercando qualcun altro?

Nessun team è mai completo e noi proviamo sempre a migliorare e innalzare la qualità, specialmente in un contesto di rapida crescita come il nostro.

 

Presenta il tuo prodotto

Harmonium Pharma, Logo, Ugo Cosentino

   Figura 1: Logo di Harmonium Pharma

“L’angolo del diabetico”  è una combinazione di prodotti e servizi indirizzati a una popolazione in crescita per creare vicino casa loro una offerta personalizzata.
  1. Quali bisogni soddisfa Harmonium Pharma e cosa aiuta ora i tuoi clienti?

Harmonium Pharma è un’azienda focalizzata esclusivamente sul diabete; è stata fondata per aiutare la comunità dei diabetici a condurre una vita migliore introducendo una modalità innovativa di essere vicini ai nostri clienti.

“L’angolo del diabetico” è la nostra unica offerta al mercato, la nostra risposta alle esigenze della comunità di diabetici: è una combinazione di prodotti e servizi indirizzati a una popolazione in crescita e collocata in farmacie aderenti per creare un’offerta personalizzata vicino a a casa del cliente e un soggiorno del malato che faciliti il potenziamento, la prevenzione, e la gestione quotidiana della loro malattia.

  1. Conosci il tuo mercato, quali sono i tuoi competitor (che tipo di servizi, se puoi fare qualche nome)?

Al momento non abbiamo concorrenti sul mercato perche L’angolo del Diabetico è una risposta innovativa alle esigenze delle persone con diabete, che non erano state soddisfatte prima.

Al contrario il nostro modello di business è complementare a quello delle maggiori aziende multinazionali farmaceutiche in ambito diabete.

  1. Cosa ha di nuovo sul mercato Harmonium Pharma ?

L’offerta dell’Angolo del Diabetico (logo in Figura 2) mira a creare la farmacia personalizzata del malato di diabete, connessa all’ “ecosistema” di professioni specializzate e associazioni di malati.Angolo del diabetico, cura diabete, diabete, Ugo Cosentino, Harmonium Pharma                                                                                Figura 2: Logo de “L’ Angolo del diabetico”

Nel nostro modello di business la farmacia non è pensata come semplice luogo dove ricevere una prescrizione, ma come un hub sul territorio dove prodotti personalizzati, informazione e consigli da perofessionisti e un primo livello di analisi vengono posti insieme per innalzare la qualità della vita delle persone con diabete e accompagnarle in un percorso referenziato di cure specialistiche in caso di ulteriori necessità

  1. Qual’è la chiave che vi distingue da Pfizer o altre aziende che trattano il diabete?

L’Angolo del Diabetico è stato creato come risultato di un innovativo processo conosciuto come Diabetiamoci con focus group organizzati in diverse città italiane dove malati di diabete hanno collaborato con il nostro team qualificato di marketing per indicare i loro bisogni e le loro difficoltà, permettendoci di progettare prodotti e servizi che migliorino le loro capacità di gestione quotidiana della malattia.

Questo è un modo totalmente nuovo e innovativo di accostarsi al mercato delle cure sanitarie.

Altresì tutta la nostra proposta di valore è stata il risultato di bisogni espressi dai pazienti, la maggior parte di essa non ha competitor sul mercato.

Da ciò risulta che la nostra offerta include un portafoglio integrato e olistico di prodotti e servizi per una migliore gestione della malattia focalizzata principalmente su prevenzione e benessere; le altre aziende che operano sul diabete sono focalizzate su un approccio di prodotto e quasi completamente su una specifica gestione dell’iperglicemia come l’insulina, metoformina, strip diagnostiche, pompe, siringhe e così via

  1. Una differenza, per quanto ho capito dalla tua presentazione, è l’approccio al cliente e alla sua malattia, perchè pensi che esso possa rendere la tua azienda preferibile alle altre?

Poichè non abbiamo concorrenti non puntiamo ad essere preferiti ad altri, ma, piuttosto, ad essere complementari e sinergici ai grandi gruppi che operano in questo campo allargando l’offerta, al contrario di quanto Big Pharma e il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) possano offrire al paziente.

Poichè le risorse del SSN destinate alle malattie croniche stanno diminuendo e la situazione in futuro peggiorerà solamente, il nostro obiettivo è incrementare la consapevolezza e l’autogestione del diabete e delle sue complicazioni, dando al malato il necessario supporto.

Facciamo questo attraverso un percorso territoriale composto da un gruppo di partner (farmacisti, fisiatri e associazioni). Lo facciamo anche attraverso una strategia digitale sul nostro sito www.angolodeldiabetico.it

 

 

MobyPlanner aiuta privati e aziende a pianificare i propri spostamenti guadagnando tempo,risparmiando soldi, ottimizzando la mobilità

MobyPlanner: mobilità ottimizzata agenda rispettata. Parte 1

MobyPlanner aiuta privati e aziende a pianificare i propri spostamenti guadagnando tempo e risparmiando soldi

Intervista a Marco Cadario, Amministratore delegato e fondatore di MobyPlanner, startup che si propone di ottimizzare la mobilità di privati e aziende pianificando gli spostamenti e monitorandoli in tempo reale per rispettare gli impegni. In questa prima parte presenta se stesso, il team e la sua soluzione

Presenta te stesso

  1. Ciao Marco, puoi presentarti?

Ciao, sono il fondatore di MobyPlanner, un’azienda focalizzata sugli strumenti di pianificazione per le aziende in ambito B2B. Sono appassionato di tecnologia e del mondo IT.

Ho lavorato per anni in una società IT fondata con alcuni amici verso la fine del 1999, e sul finire del 2013 ho deciso di iniziare con una nuova idea, MobyPlanner.

 La tua esperienza lavorativa è nell’ambito del management ICT, sviluppare software per soluzioni ad hoc. Come è nata l’idea di diventare imprenditore? Qual’è il tuo percorso?

Ho sempre lavorato nel mondo IT, sin dal 1992, come consulente indipendente o in una società precedentemente fondata, in una molteplicità di scenari (acquisizione dati, gestione dati, portali internet molto grandi e altro ancora). Il cuore della mia esperienza lavorativa è sulle architetture IT e il supporto applicativo, ma sono anche in grado di formare e gestire team che supportino applicazioni mission critical. Questo bagaglio di esperienze mi ha aiutato ad intraprendere una nuova esperienza, quella di MobyPlanner.

  1. Ci siamo incontrati a Innovits 2 anni fa, quando ti stavi sviluppando MobyPlanner e volevi presentarlo al team. Ora sei uno dei manager di MobyPlanner e hai qualche collaborazione, mi racconti la storia di questa evoluzione?

Nei primi mesi del 2015, durante il percorso Innovits, ho ricevuto tantissimi suggerimenti utili che mi hanno aiutato a capire il modo giusto di sviluppare la mia idea di prodotto e trovare il modo migliore per entrare sul mercato.

Alcuni accordi di collaborazione (tecnica e commerciale) stipulati aiutano la mia società a sviluppare il prodotto e esser pronto ad entrare sul mercato.

  1. Cosa è cambiato nel frattempo nella tua vita (il lavoro per esempio)?

Quando ho deciso di fondare MobyPlanner, le mie attività sono cambiate molto e, grazie a diversi programmi di accelerazione, ho cambiato anche molti punti di vista.

Presenta il tuo team

  1. Puoi presentare il tuo gruppo di lavoro?

Attualmente, siamo 4 persone con differenti competenze ed esperienze. Tutti partecipano attivamente alla definizione di cosa sviluppare nel nostro prodotto. Attualmente siamo basati a Milano.

  1. Descrivici i ruoli nel gruppo di lavoro.

Ci sono 3 persone che si concentrano sullo sviluppo del prodotto e una dedicata allo sviluppo del business.

Uno sviluppatore si dedica alle applicazioni per il mobile e alla loro integrazione con la nostra piattaforma, altri due sviluppano la piattaforma e definiscono anche i requisiti e l’architettura dell’infrastruttura. Questi due hanno anche competenze di business.

  1. Lavori fulltime per la tua startup o tu/qualcuno del tuo gruppo lavora anche al di fuori di essa?f

Tutti lavorano full time su questo progetto.

  1. Credi che il gruppo sia completo o stai cercando qualcun altro?

Naturalmente no. Durante l’evoluzione dell’idea capiamo che abbiamo bisogno di più competenze nel gruppo, specialmente analisti di dati e venditori. Questi saranno probabilmente i nostri prossimi passi.

Presenta il tuo prodotto

  1. Quali problemi risolve MobyPlanner e come sono risolti ora dai tuoi clienti?s

La piattaforma di MobyPlanner è un veloce e georeferenziato ottimizzatore dell’agenda che risolve la complessita che si ha quando la pianificazione dell’utente si svolge con movimenti in un ambiente urbano.

Le aziende, usando una console dedicata, possono pianificare appuntamnti, ottimizzare i percorsi giornalieri e inviare la pianificazione ai dipendenti automaticamente. Allo stesso tempo la piattaforma fornisce ai dipendenti un’ “assistente personale” che verifica durante la giornata le informazioni necessarie ad essere puntuali agli appuntamenti.

Così si ottimizzano i movimenti dello staff che si muove risparmiando tempo e riducendo i costi.

In sintesi….

  • Ottimizza i movimenti dei dipendenti che viaggiano per risparmiare tempo e ridurre i costi
  • Valutare i tempi di viaggio e la qualità dei movimenti del personale che si sposta
  • Analizzare in tempo reale e nello storico i movimenti del personale per soddisfare le richieste dei clienti
  1. Tu conosci il tuo mercato, quali sono i tuoi concorrenti (che tipo di servizi, se puoi fare qualche nome)?

Ci sono alcuni prodotti simili. Fortunatamente sono focalizzati sul fornire soluzioni per grandi aziende (il nostro obiettivo primario è rappresentato dalle piccole e medie imprese) o dedicate ai processi di logistica.

  1. Cosa MobyPlanner ha di nuovo?

La piattaforma di MobyPlanner è una soluzione dedicata al mercato delle piccole e medie imprese con un basso TCO (costo totale di possesso), ma con funzionalità da grande azienda.

Inoltre la nostra soluzione, durante la pianificazione, generano itinerari giornalieri tenendo conto in automatico molti vincoli come la disponibilità di persone, le loro competenze, i luoghi in cui si hanno gli appuntamenti e i tempi necessari a presentarsi puntuali agli appuntamenti.

  1. Una differenza è che tu puoi creare itinerari in automatico, perchè MobyPlanner è da preferire alle altre soluzioni per la pianificazione degli spostamenti dei dipendenti?i

Oltre ai vincoli che consideriamo durante la creazione degli itinerari, riduciamo le operazioni manuali e ripetitive grazie all’automazione. Il risultato è che l’operatore può dedicare più tempo alle altre attività dando maggior valore al suo lavoro.

  1. Puoi spiegare in breve l’idea dietro la tua soluzione?

La pianificazione è un’attività ripetitiva, in questo caso uno strumento che supporta questo processo aiuta l’operatore a dedicare più tempo ad altre attività. 

Usando la piattaforma MobyPlanner l’azienda può beneficiare di una riduzione dei costi. Inoltre con la generazione automatica degli itinerari e la loro ottimizzazione, si ottiene in genere un interessante riduzione di chilometri percorsi.

  1. Dove credi che il motore di MobyPlanner si può utilizzare? E’ personalizzabile per un uso personale o aziendale?

Abbiamo iniziato a sviluppare la piattaforma MobyPlanner con l’idea di creare una soluzione semplice da usare, personalizzabile e adattabile a più scenari. Il nostro motore definisce regole di pianificazione mentre l’interfaccia utente può essere adattata a diversi contesti.

internationalization, startup, business, Ray Garcia, Stefano Boldorini, Nikhil Aggarwal, Fabrizio Zucca

Diventare globali: istruzioni per l’uso

Suggerimenti da esperti sull’internazionalizzazione della propria impresa

internazionalization, startup, business, Ray Garcia, Stefano Boldorini, Nikhil Aggarwal, Fabrizio Zucca

Mercoledi scorso sono andato ad un’interessante tavola rotonda sull’internazionalizzazione delle nuove imprese (e delle imprese in generale dal titolo “From the Pillars of Hercules to Ellis Island and more” organizzato da Innovits, associazione no profit che supporta i nuovi imprenditori nel loro percorso fino all’incontro con possibili investitori e all’ingresso sul mercato.

I relatori erano:

  • Ray Garcia, managing director Buoyant Capital, New York
  • Stefano Boldorini, Fondatore e Managing Partner WINH – World In Your Hands
  • Fabrizio Zucca, Chairman e co-fondatore di Strategia & Sviluppo Consultants S.r.l.
  • Nikhil Aggarwal, fondatore di Connexun
Innovits, “From the Pillars of Hercules to Ellis Island and more” , internazionalization

I

Si sono discussi tanti punti interessanti e questi sono alcuni spunti che ho raccolto:

  1. Significato di internazionalizzazione: a volte il termine è frainteso. Molte persone ritengono che vendere su molti mercati equivalga a internazionalizzare. Ciò non è vero. Essere globali significa, per esempio, avere parte del team proveniente dalla nazione dove si punta ad espandersi e condividere i valori che essa porta all’interno dell’azienda.

Prova della differenza è che, durante la recente crisi, solo coloro che avevano la propria rete di distribuzione hanno potuto affrontare in maniera opportuna le difficoltà. Questo perchè erano radicati nelle diverse nazioni e potevano adeguare in modo appropriato l’offerta e la catena del valore.

  1. Internazionalizzazione, per molti ma non per tutti: confrontando il mondo che si può raggiungere oggi con un volo con quello di 10/15 anni fa la differenza è davvero notevole. Oggi con un volo è possibile andare da un punto al suo opposto del mondo in un tempo ragionevole.

Ciò incrementa in maniera significativa la possibilità per un imprenditore di globalizzare il proprio business. Prima però di decidere di puntare a un qualsiasi mercato estero, ogni capo d’azienda dovrebbe considerare la struttura e la dimensione della sua realtà. Solo coloro che hanno un fatturato di alcuni milioni di euro, infatti, possono diventare internazionali rimanendo profittevoli.

  1. Analizza il tuo mercato target: ogni nazione (o continente) si differenzia dagli altri per cultura, valori, modalità di fare impresa e abitudini.

   Prima di decidere di raggiungerlo è decisivo analizzare in modo approfondito tutti questi elementi per vedere se  corrispondono a quelli aziendali.

Solo dove ciò accade (dove è “facile” stare) il rischio è affrontabile. Negli altri casi perdere soldi è più di una possibilità

  1. Analizzare il proprio mercato target, per un imprenditore significa anche:
    1. Essere rispettoso: la cultura è il fondamento di una nazione. Approcciare un posto nuovo sottostimando tale elemento, pensare di essere più “smart”, più intelligente degli altri, trattarli come meno intelligenti sono modalità che conducono al fallimento.
    2. Inoltre errate comprensioni e ignoranza della cultura o conoscenza superficiale della stessa, portano le persone ad avere un approccio che non si concilia con le abitudini, il modo di ragionare e di fare impresa dei “locali” portando l’impresa a perdere soldi
  • “Non prendere il volo da solo”: quando si decide di internazionalizzare non farlo da soli.

Poiché le nazioni sono diverse tra loro, gli imprenditori hanno bisogno di qualcuno che

  • conosca veramente bene il luogo dove essi vogliono andare
  • possa guidarli in tutti i passi necessari e supportare la gestione dell’impresa
  • Scegli il giusto partner: il mondo è vario e nessuno può dire di conoscere approfonditamente ogni nazione. Per questo quando si sceglie il consulente bisogna verificare la corrispondenza fra le nazioni “promesse” e quelle con cui la persona è realmente familiare
    • Durante l’internazionalizzazione bisogna considerare che possono passare 1-2 anni prima che il processo si completi e che si cominci ad incassare. In quel periodo il consulente va comunque pagato.
    • Dunque la fiducia in lui deve essere totale e, dunque, una verifica approfondita del suo profilo è fortemente consigliata.
  • Sii globale: il mondo ha diversi fusi orari e il business richiede di essere pronto a rispondere e lavorare, quando necessario, 24 ore al giorno (anche di più per alcuni), 365 giorni all’anno.
    • Una conseguenza è che in Agosto, quando in Italia la maggior parte delle persone va in ferie, gli imprenditori devono lavorare (o devono essere pronti a farlo) per spingere la propria attività e incrementare i profitti.
    • Inoltre quando in azienda vi sono stranieri, bisogna lavorare come essi sono abituati a fare.
  • Cogli le opportunità dove esse sono: a volte, guardando l’andamento di alcune nazioni (es: India e Cina), la volontà di entrarvi è molto forte.

Ciò non permette di vedere altri posti in cui sarebbe facile entrare per via di una cultura più simile o di una comunità di emigranti dalla nazione ove l’azienda risiede (es: gli italiani che vivono negli USA).

Così si perdono grandi opportunità. Per evitarlo bisogna fare un’analisi più approfondita delle nazioni e avvantaggiarsi di quanto la cultura aziendale e/o l’identità manageriale permette di avere.

Intervista a Vito Savino, AD di Jot-to, motore di ricerca che, associa emozioni e stati d'animo ai colori e attraverso essi guida la ricerca di prodotti e servizi. Parte 3

Jot-to: le emozioni e gli stati d’animo guidano la ricerca sul web Parte 3

Intervista a Vito Savino, AD di Jot-to, motore di ricerca che, associa emozioni e stati d'animo ai colori e attraverso essi guida la ricerca di prodotti e servizi. Parte 3

Jot-to parte 3: la terza parte dell’intervista con Vito Savino (la prima è qui), CEO di Jot-to, il motore di ricerca che permette di usare colori ed emozioni come criteri nella ricerca sul web. Argomenti discussi sono: il mondo delle startup, investitori e loro comportamento, Innovits.

Il mondo delle startup

  1. Ho intervistato Ray Garcia (il link qui) sulla differenza tra startupper e imprenditore. Secondo te ce ne è qualcuna? Puoi spiegare?

Per dire in inglese che apri una nuova impresa dici che “ startup un’impresa”. Ciò vorrebbe indicare che uno startupper non è altro che un imprenditore al suo primo stadio.

Vorrei aggiungere che uno startupper è alle prese con un business che è molto scalabile, innovativo ed è  pronto ad adattarsi in modo agile  ad un mercato che cambia velocemente.

 

  1. Qual’è il ruolo della passione nell’aprire un’impresa?

La passione è l’ingrediente che può fare la differenza nella tua ricotta, ma se non trovi un modo di vendere la torta rischi di gettarla via…

 

  1. Cosa stai imparando nel ruolo di imprenditore che non puoi imparare altrove?

Come imprenditore in una nuova impresa devi pensare e agire a 360°.

Devi essere pronto a contribuire e dare una mano in ogni area del business, devi essere analitco e avere visione di insieme allo stesso tempo.

Devi pensare la strategia e implementarla con il tuo team.

Non avere paura di fallire e del giudizio della gente.

 

  1. Squadra, clienti, fondi e gestione delle risorse finanziarie sono i problemi più grandi che una startup affronta nella sua vita (guarda qui), cosa ne pensi? Qual’è la tua esperienza?

Questi sono di sicuro tre aspetti fondamentali per una startup, molto connessi agli altri.

Avere un team e una base di clienti ti aiuta ad avere dei fondi e, d’altra parte, avere fondi ti da più possibilità di completare il team e cercare clienti.

Noi abbiamo affrontato molto presto il problema del team. e mi considero fortunato per questo.

I clienti sono l’aspetto essenziale, e noi siamo concentrate su di loro ora (clienti portano clienti).

Fuori sembra che ci siano molte possibilità di finanziarsi, ma non è per niente facile accedervi. Ma noi lo faremo.

 

  1. Dal tuo punto di vista quali sono le necessità di una startup e come sono soddisfatte ora dagli operatori sul mercato? 

Una startup ha bisogno principalmente di visibilità, supporto per migliorare il modello di business, e fondi.

Secondo la mia esperienza ci sono molti contesti dove puoi cercare visibilità e miglioramenti del business model (Innovits ne è un esempio).

Il passo sui fondi è un po’ più complicate perchè i criteri di selezione sono più severi  perfino per piccole somme.

 

  1. Come può la società supportare lo sviluppo delle nuove imprese?

Due elementi che sicuramente incoraggerebbero e aiuterebbero lo sviluppo di nuove imprese è l’avere costi bassi (tasse incluse) e leggi semplici per rendere più semplice la nascita di nuove imprese in Italia.

Questo aprirebbe la strada ad un cambiamento culturale in cui l’innovazione potrebbe essere sempre più incoraggiata e supportata..

Innovits

  1. Ci siamo incontrati ad Innovits, tu non sei arrivato in finale la prima volta. L’anno scorso sei arrivato tra i primi tre. Cosa hai imparato lì?

Abbiamo preso coscienza che aprire una nuova impresa è un percorso molto duro, dove ogni dettaglio è essenziale e non devi mai arrenderti.

 

  1. Perchè lo hai preferito agli altri?

Tre anni fa ho partecipato all’evento finale di Innovits e sono stato affascinato dall’atmosfera che si poteva sentire li.

Ho incontrato molti professionisti disposti a dare il loro contributo allo sviluppo delle nuove imprese e ad incoraggiare l’innovazione.

Ho scoperto allora che Innovits è un’organizzazione no-profit aperta, basata sulla forza e la passione dei suoi associati che hanno esperienze e competenze diverse. E tutto questo gratis.

Ho pensato di aver trovato l’ambiente perfetto per lo sviluppo di Jot-to

 

  1. Pro e Contro di quell’esperienza ?

Pro: alta pressione sull’ottenere risultati e un calendario condiviso e sfidante, un network qualificator e proattivo, possibilità di avere un coach personale

Contro: più tempo potrebbe essere dedicato all’analisi delle modalità di guadagno e agli aspetti finanziari.

 

  1. Se un amico con un’idea ti chiedesse di Innovits, lo consiglieresti?

Ho già consigliato Innovits a diversi amici in occasione dell’edizione 2016/17 del Gymnasium, e sicuramente continuerò a farlo.

 

  1. Oggi sei un mentor del percorso di accelerazione di Innovits, quali sono I tuoi stati d’animo?

Questo per me è un passo importante in Innovits.

Dopo l’intensa esperienza del Gymnasium l’anno scorso, mi sento pronto a condividere con altri startupper ciò che ho imparato.

Lo posso fare con la conoscenza del percorso perchè l’ho già affrontato fino all’evento finale e la consapevolezze delle nuove difficoltà che si hanno nell’avviare una nuova impresa.

 

Investitori e il loro comportamento

  1. State cercando investitori?

Ehm… Si lo stiamo facendo!

  1. Sono (se lo state facendo) solo di tipo finanziario o anche tecnico? Puoi parlarcene?

Stiamo principalmente cercando investitori finanziari. D’altro canto noi sappiamo che altri soggetti potrebbero essere interessati allo sviluppo di motori di ricerca innovative (penso alle università per esempio).

Ciò potrebbe essere un aiuto interessante per accelerare il nostro progetto

  1. Ci puoi raccontare le 5 domande principali che vi pongono quando presentate la vostra startup? (Figura 2)

     

    Domande frequenti, Jot-to, Vito Savino                                                                               Figura 2: Le 5 domande più frequenti

Come funziona il motore?

Quali settori aggiungerete?

Chi NON vorreste avere come utente?

Qual’è la vostra strategia di marketing?

Quanti utenti avete ora?

  1. Siete aperti a partecipazioni al capital sociale di nuovi investitori?

 Possiamo parlarne.

  1. Siete una società di diritto italiano?

Si, siamo una S.R.L (“startup innovativa”) con base a Milano.

  1. Perchè avete deciso di non diventare una LLC inglese o un’altra forma societaria registrata all’estero?

Prima di aprire la società in Italia abbiamo analizzato altre possibilità (Londra, San Marino) che hanno il vantaggio di essere economicamente più interessanti e con un accesso più facile ai fondi.

Infine abbiamo scelto di aprire a Milano principalmente perchè siamo italiani e vogliamo dare una possibilità al nostro Paese. Vedremo se è la scelta giusta, se non lo è riconsidereremo altre soluzioni.

 

MOLTE GRAZIE VITO